Scelta cooperativa, scelta di valori

È uno dei migliori bilanci degli ultimi anni quello che i 47 mila soci di Emil Banca sono chiamati ad approvare nell’assemblea in programma domenica 19 maggio al palasport di Casalecchio (Bologna). Per facilitare la partecipazione dei soci modenesi, è disponibile un pullman che partirà da palazzo Europa alle 7.45 di domenica.

«Quello appena chiuso è il bilancio del primo anno a pieno regime, dopo che le fusioni degli scorsi anni ci hanno fatto diventare una delle banche di credito cooperativo più importanti d’Italia, con un territorio di competenza che comprende 61 Comuni e 1,6 milioni di persone – commenta il presidente di Emil Banca Giulio Magagni – Nonostante questa dimensione, nell’ultimo anno abbiamo dimostrato di non aver cambiato pelle, di essere una banca sana e in grado di creare valore, non solo economico, per un’intera regione».

Presente in cinque province emiliane (tra cui Modena), Emil Banca ha chiuso il 2018 con un utile di 11,352 milioni di euro: l’81% sarà destinato al fondo riserva legale, il 3% andrà al fondo per la promozione e sviluppo della cooperazione, mentre con la parte restante sarà proposto all’assemblea di concedere ai soci un dividendo dello 0,75%, oltre a una rivalutazione delle loro azioni dell’1%.

«Durante il 2018 è aumentato il numero dei soci (+2.100) e clienti (+1.300), e abbiamo aperto 10 mila nuovi rapporti – afferma il direttore generale di Emil Banca Daniele Ravaglia – inoltre sono cresciuti impieghi e raccolta, mentre sono calate le sofferenze».