Scelta cooperativa, scelta di valori

Aci su false cooperative: «Bene il passo compiuto attraverso la manovra di bilancio, ma resta indispensabile una legge specifica»

«Da anni denunciamo e contrastiamo il fenomeno delle false cooperative, che getta discredito sulle cooperative sane e i loro soci, compromette i diritti dei lavoratori, distorce le dinamiche di concorrenza sul mercato. Nel 2016 come Alleanza delle Cooperative abbiamo raccolto le firme per presentare al Parlamento una proposta di legge di iniziativa popolare per contrastare questo fenomeno deteriore. L'inserimento nella legge di Bilancio di norme più stringenti in materia di controlli e sanzioni alle false cooperative rappresenta un primo positivo passo in questa direzione».

Andrea Benini, presidente di Legacoop Estense e portavoce del coordinamento modenese dell’Alleanza delle Cooperative Italiane (il soggetto unitario per la rappresentanza delle cooperative costituito a livello nazionale da Agci, Confcooperative e Legacoop), ha commentato così nei giorni scorsi l’approvazione della legge di Bilancio e delle norme sul tema specifico.

«Le regole inserite forniscono sicuramente strumenti di contrasto aggiuntivi, in particolare contro le cooperative che si sottraggono alla vigilanza e non svolgono correttamente l’attività mutualistica. La cancellazione dall’albo e lo scioglimento d’autorità, in casi di accertata irregolarità, possono essere efficaci strumenti di deterrenza per chi utilizza strumentalmente la forma di impresa cooperativa per operare fuori dalla legalità. Per questo ringraziamo tutti coloro che si sono spesi in Parlamento per raggiungere questo primo parziale traguardo, ma continueremo a chiedere a chi si candida al governo del paese l’approvazione completa della legge richiesta da oltre 100 mila cittadini e cittadine».