Scelta cooperativa, scelta di valori

Anziani con demenza: a Carpi un nuovo nucleo residenziale specializzato

  • cof
  • dav

Apre a Carpi un nuovo nucleo residenziale dedicato alle demenze con gravi disturbi del comportamento. Si trova presso la Casa residenza anziani Il Carpine, di proprietà del Comune di Carpi e inserita nella rete dei servizi socio-sanitari istituzionali.

Il nucleo demenze, come nuovo servizio distrettuale promosso da Unione Terre d’Argine e Ausl, era stato annunciato alcuni mesi fa e, grazie alla cooperativa sociale Domus Assistenza di Modena, che è il soggetto accreditato per la gestione del Carpine (in virtù della normativa regionale), ora è realizzato e funzionante a pieno regime.

Si tratta di un nucleo residenziale di 18 posti rivolti a demenze abbinate a gravi disturbi del comportamento. Di questi, otto posti sono riservati a progetti temporanei, dalla durata indicativa da uno a tre mesi, finalizzati a dare sollievo alle situazioni a domicilio di questo tipo. I restanti dieci posti sono invece rivolti a ospiti con progetti definitivi o stabili. Alla realizzazione del nucleo hanno contribuito la Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e il Lions Club Host Carpi, che hanno finanziato l’acquisto di arredi.

Il lavoro è condotto da un’equipe di esperti (geriatra, psicologa, terapista occupazionale) e sviluppato da personale sanitario e assistenziale appositamente formato.

Grazie anche al contribuito della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e del Lions Club Carpi Host, il nucleo può contare su arredi e attrezzature specifiche, che permettono di mantenere in sicurezza gli ospiti e svolgere terapie innovative, multisensoriali, utili a ridurre gli stati di agitazione e quindi il ricorso a terapie farmacologiche.

La realizzazione del nucleo demenza rappresenta una risposta importante che le istituzioni danno a questo tipo di malattia, che presenta numeri sempre più preoccupanti: a fine 2018 erano circa 2 mila le persone affette da demenza registrate tra Carpi, Novi, Soliera e Campogalliano, con un tasso di crescita superiore al 10% ogni anno.

Inoltre, questo nuovo servizio si inserisce nel piano strategico per le demenze, che la cooperativa Domus Assistenza ha avviato nel 2016 per migliorare tutti i servizi agli anziani che gestisce (oltre 500 posti letto e centinaia di utenti nei servizi domiciliari).

«Vista l'evoluzione nella tipologia di ospiti, di cui una parte sempre crescente è affetta da forme di demenza sempre più gravi – spiega il presidente di Domus Assistenza Gaetano De Vinco - abbiamo avviato un progetto strategico di miglioramento che ha coinvolto tutti i servizi agli anziani gestiti dalla nostra cooperativa. Ciò ha portato a numerose azioni per migliorare la capacità di accogliere questi pazienti e aumentare la qualità del servizio, attuando nelle proprie attività le più innovative metodologie assistenziali proposte dalla letteratura scientifica. Tutto il personale, oltre 500 persone, è stato infatti formato sul tema della demenza. Dal 2017, con l'ausilio di collaborazioni tecniche e scientifiche esterne alla cooperativa, - continua De Vinco - sono state avviate azioni per adeguare gli ambienti, applicando le più avanzate “teorie del colore” che prevedono l'uso di tinte capaci di stimolare le diverse funzioni biologiche (il riposo, l'appetito, le attività ecc.: ogni ambiente ha assunto una colorazione adeguata) e di limitare il disorientamento vissuto dai malati di Alzheimer, i quali confondono o non percepiscono determinati colori (ad es. il bianco). Parallelamente a questo lavoro di crescita interno al servizio, a partire dal 2018 le istituzioni carpigiane hanno avviato una riflessione per valutare l’apertura di un nucleo residenziale specialistico, in grado di ospitare le situazioni di demenza più gravi presenti sul territorio dell’Unione Terre d’Argine. Tale riflessione ha trovato un positivo riscontro nella direzione provinciale dell’Ausl, a seguito del quale il distretto Ausl di Carpi, insieme all’Unione Terre d’Argine, - conclude il presidente di Domus Assistenza - ha approvato la realizzazione di tale servizio proprio a “Il Carpine”».