Scelta cooperativa, scelta di valori

Bando per il sostegno degli investimenti produttivi

La Regione Emilia Romagna ha approvato il bando per il sostegno degli investimenti produttivi nell'ambito del POR FESR 2014/2020 azione 3.1.1.

I beneficiari sono le PMI, anche in forma cooperativa, che rispettano i codici Ateco 2007 sia primari che secondari espressamente previsti dal bando cui si rimanda (si allega tabella con i codici ateco 2007).

Il finanziamento consiste in un contributo pubblico (dal 20% al 35%) a seconda dei casi, tramite un finanziamento bancario di medio/lungo termine (dai 24 a 84 mesi a parziale copertura dell'investimento per un importo massimo dell'80% (in altre parole il finanziamento bancario non può superare l'80% dell'investimento), con garanzia all'80% sul finanziamento bancario da parte di un consorzio fidi selezionato dalla Regione che a sua volta si controgarantisce.

Più nello specifico il contributo è pari a :

  1. Per progetti di investimento senza applicazione di premialità: 20% sulla spesa ammessa:

  2. Per progetti di investimento con ricaduta positiva sull'occupazione e/o proposti da imprese femminili e/o giovanili e/o con rating di legalità: 25% sulla spesa ammessa;

  3. Per progetti di investimento proposti da imprese localizzate in aree montane o aree 107 c: 30% sulla spesa ammessa;

  4. Per progetti di investimento con ricaduta positiva sull'occupazione e/o proposti da imprese femminili e/o giovanili e/o con rating di legalità e localizzati in aree montane o aree 107 c. 3: 35% sulla spesa ammessa.

I progetti per i quali viene presentata la domanda di contributo dovranno avere una dimensione di investimento compresa tra 40.000 euro e 500.000 euro, ed il regime di aiuto viene dato in "regime de minimis", con un importo massimo di contributo pari a 150.000 euro.

Il bando finanzia gli investimenti produttivi ad alto contenuto tecnologico che attraverso un ammodernamento degli impianti, dei macchinari e delle attrezzature, favoriscano l'innovazione di processo, di prodotto e/o di servizi.

Le spese ammissibili sono le seguenti:

  1. Acquisto di macchinari, beni strumentali, attrezzature, impianti funzionali alla realizzazione del progetto, comprese soluzioni che consentono un miglioramento dell'efficienza energetica;

  2. Acquisto di beni intangibili, quali brevetti, marchi, licenze, know how atte ad ottimizzare i processi produttivi industriali;

  3. Acquisto di hardware, software, licenze per l'utilizzo di software, servizi di cloud computing;

  4. Spese di opere murarie ed edilizie strettamente connesse alla installazione ed alla posa in opera dei macchinari, beni strumentali, attrezzature e impianti (max 5% della somma delle spese precedenti);

  5. Acquisizione di servizi di consulenza specializzata per la realizzazione del progetto.

Il bando è a sportello e la domanda deve essere obbligatoriamente presentata telematicamente sull'applicativo "Sfinge 2020".

Le domande di contributo dovranno essere presentate all'interno delle finestre e delle scadenze di seguito indicate a cui rispettivamente corrispondono i termini di conclusione degli interventi:

  1. 1° Finestra: dalle ore 10.00 del giorno 5 giugno 2018 alle ore 13.00 del giorno 19 luglio 2018;

  2. 2° Finestra; dalle ore 10.00 del giorno 4 settembre alle ore 13.00 del giorno 28 febbraio 2019.

Sul sito della Regione Emilia Romagna è disponibile copia del bando nel quale è possibile approfondire tutte le tematiche.