Scelta cooperativa, scelta di valori

Conclusa la quinta edizione di Imprendocoop. Gli aspiranti cooperatori premiati al Museo Enzo Ferrari

Una cooperativa di comunità a Savignano sul Panaro; accoglienza e sostegno a ragazze straniere vittime di matrimoni forzati; insegnamento delle discipline artistiche, in particolare a persone con disagio psicosociale.

Sono le tre idee d'impresa premiate ieri con 3 mila, 2 mila e 1.500 euro a conclusione della quinta edizione di Imprendocoop, il progetto per favorire l'occupazione e l'imprenditorialità ideato da Confcooperative Modena e Fondazione Democenter-Sipe con il patrocinio e sostegno del Comune di Modena, Emil Banca, Camera di commercio di Modena e Coop Up, la rete di Confcooperative nazionale per le idee, l'innovazione e lo sviluppo di imprese. Imprendocoop è patrocinato dalla Regione Emilia-Romagna e dall'Università di Modena e Reggio Emilia. Altre due idee d’impresa (formazione e sicurezza sul lavoro nello spettacolo, assistenza tecnica e commerciale nella termoplastica) riceveranno da Emil Banca un finanziamento di 30 mila euro a tasso zero. Hanno ricevuto l'attestato di partecipazione i rappresentanti dei dodici progetti d'impresa che hanno completato il percorso formativo. Oltre ai premi in denaro, i progetti vincitori usufruiranno dei servizi amministrativi gratuiti per un anno.

«Anche la quinta edizione di Imprendocoop ha confermato che la cooperazione è capace di rispondere ai nuovi bisogni della comunità e lanciarsi sul mercato con coraggio e fantasia – dichiara il presidente di Confcooperative Modena Carlo Piccinini – Prima ancora che finisse il percorso formativo, si sono costituite due cooperative».

All’evento finale, che si è svolto al Museo Enzo Ferrari di Modena, è intervenuto il fondatore di Genius Faber Alberto Peretti, intervistato dal direttore di Trc Ettore Tazzioli sul tema “Capitale umano e innovazione”. Hanno partecipato alla premiazione anche il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, l’assessore comunale alle Attività produttive Ludovica Carla Ferrari, il presidente di Democenter Roberto Zani, il vicedirettore generale di Emil Banca Matteo Passini, il presidente della Camera di commercio Giuseppe Molinari e il direttore del dipartimento di Economia “Marco Biagi” dell’Università di Modena e Reggio Emilia Gianluca Marchi. L’assessore alle Attività produttive della Regione Emilia-Romagna Palma Costi è intervenuta con un video.