Scelta cooperativa, scelta di valori

Una casa e un lavoro per ritrovare autostima e dignità.

Li offre Pan onlus, un’organizzazione no profit di Castelfranco Emilia che sabato 11 maggio inaugura la propria sede in via Emilia Est 75. Si trova all’interno di una villa padronale di fine 800 nella quale sono state ricavate undici camere doppie con bagno, una sala polifunzionale e un piccolo laboratorio alimentare per la produzione di pasta fresca.

Alla cerimonia, in programma alle 11, intervengono l’Arcivescovo di Bologna mons. Matteo Maria Zuppi, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e il sindaco di Castelfranco Emilia Stefano Reggianini.

Pan (acronimo che significa “partecipazione, accoglienza, natura”) onlus è una piccola cooperativa sociale nata nel 2015 grazie a Imprendocoop, il progetto di Confcooperative Modena che favorisce l’occupazione e l’imprenditorialità. Si occupa di housing sociale e inserimento lavorativo di persone svantaggiate attraverso attività come cura del verde e piccole manutenzioni domestiche, pulizie civili e industriali, produzione artigianale di bigiotteria e gadget personalizzati.

«La nostra mission è l’accoglienza partecipata, cioè offrire un tetto alle persone che non hanno più una casa e creare opportunità di lavoro che permettano di iniziare un nuovo cammino di vita – spiega Andrea Mazzucchi, vicepresidente della cooperativa sociale Pan onlus – Per noi soci fondatori la nuova sede rappresenta la realizzazione di un sogno: ora abbiamo un luogo in cui crescere».

Pan onlus si considera “adottata” dalla comunità. Per portare a termine i costosi lavori di ristrutturazione della sede si sono rivelati decisivi, infatti, i contributi finanziari dell’Arcidiocesi di Bologna e della Regione Emilia-Romagna, ma soprattutto dei cittadini di Castelfranco, che fin dall’inizio hanno sostenuto le iniziative di solidarietà promosse dalla cooperativa.

Da segnalare, infine, che Pan onlus organizza ogni anno un ciclo-pellegrinaggio all’insegna della solidarietà e spiritualità. Nel 2016 i ciclo-pellegrini, partiti da Castelfranco, hanno raggiunto Roma, nel 2017 Assisi e le zone terremotate del Centro Italia, nel 2018 il santuario di Oropa (Biella), mentre quest’anno percorreranno una parte del Cammino di Santiago de Compostela in Spagna.