Back to top

Confcooperative Modena

Chiusi a fine ottobre i bandi GAL: le imprese dell’appennino reggiano continuano a investire e innovare

 Dopo il successo del bando A.1.2.3 “Sostegno a investimenti di nuove imprese (start up)grazie al quale il GAL ha finanziato a settembre 19 nuove attività
(graduatoria Bando A.1.2.3), altri quattro avvisi pubblici sono arrivati al capolinea a fine ottobre. Sono state presentate ben 56 domande con una
richiesta di contributo pari a940.000 a fronte di 1 milione e mezzo di investimento totale previsto.
I bandi che hanno riscosso il maggior successo sono stati quelli destinati al settore agricolo e forestale, con un totale di 42 progetti finalizzati alla
prevenzione dei danni da fauna e alla valorizzazione dei castagneti da frutto. I 553 mila euro richiesti finanzieranno recinzioni a difesa di allevamenti e colture
e interventi di risanamento e valorizzazione dei castagneti.
La vocazione territoriale non si limita però al settore agricolo ma si manifesta anche con uno slancio innovativo da parte dell’artigianato locale che ha fatto
registrare un buon risultato rispetto alle edizioni precedenti dello stesso bando: 11 aziende manifatturiere hanno deciso di investire più di 630 mila euro a fronte
di un contributo di circa 300 mila euro in attrezzature di qualità e software per migliorare prodotti e processi produttivi.
Anche le cooperative di comunità hanno saputo cogliere l’opportunità della seconda edizione del bando per dare risposta alla esigenza di innovazione
sociale con un investimento totale di circa 160 mila euro. Nonostante il contesto macroeconomico decisamente critico, gli imprenditori
dell’Appennino modenese e reggiano reagiscono con determinazione e riescono a cogliere le occasioni per migliorare la produttività delle proprie aziende: un
incentivo importante per il CDA dal GAL a predisporre strumenti di finanziamento che siano quanto più vicini possibile alle esigenze del territorio in
quest’ultima parte della programmazione 2014-2022!
Per maggiori informazioni, visitare il sito: www.galmodenareggio.it