Back to top

Confcooperative Modena

Cooperativa sociale Eortè apre un centro diurno per minori in crisi con la famiglia

Apre a giorni L’Arnia, una comunità educativa semi-residenziale per bambini e ragazzi tra i 6 e 17 anni che attraversano un periodo di difficoltà in famiglia.

La struttura, che sorge a Migliarina di Carpi, è stata progettata e sarà gestita dalla cooperativa sociale Eortè di Soliera (aderente a Confcooperative Terre d’Emilia).

Eortè, che nel 2014 ha aperto il social market Il Pane e le Rose di Soliera, gestisce già una casa per madri e donne sole in difficoltà abitativa e un programma di recupero per giovani che manifestano disagio sociale.

«L’Arnia accoglierà fino a sedici minori che, pur vivendo situazioni di disagio, non devono essere allontanati dalla propria famiglia – spiega la direttrice di Eortè Valentina Pepe –

Per i bambini e ragazzi sono previste attività di vario genere: dallo svolgimento dei compiti scolastici a momenti di gioco e divertimento, ma pur sempre formativi, come corsi sportivi e di teatro.

L’Arnia colma un vuoto a livello territoriale, non solo nelle Terre d’Argine. Esiste, infatti, lo strumento dell’affido. Poi ci sono comunità residenziali per minori, ma non centri diurni ai quali le famiglie in difficoltà possano rivolgersi per avere un sostegno nella gestione quotidiana dei figli».

Il team di Eortè, composto da tre educatori, una coordinatrice e alcuni volontari, progetterà percorsi educativi individuali, ma adeguati al gruppo nel suo complesso, favorendo e guidando l’interazione positiva tra i giovani che faranno parte della comunità.

La cooperativa collaborerà con il servizio sociale territoriale, il servizio tutela minori e quello di neuropsichiatria infantile, attivando così una rete per il monitoraggio e la gestione di casi familiari complessi e il conseguente pronto intervento, anche con il supporto di psicologi.

«L’Arnia vuole essere un luogo caldo e sicuro – aggiunge Rita Lacetera, coordinatrice della struttura – in cui i minori possano intraprendere un percorso di crescita personale, raggiungere traguardi di autonomia, responsabilizzazione e maturazione delle competenze relazionali, fare progetti di vita, riconoscere le proprie inclinazioni, coltivare i propri interessi ed essere accompagnati nella realizzazione di questi.

Il macro-obiettivo è evitare l’allontanamento del minore dalla famiglia biologica, lavorando in parallelo con i suoi genitori e la scuola, che è il primo luogo in cui si manifestano comportamenti legati a situazioni complesse».

La cooperativa Eortè ha lanciato una campagna di raccolta fondi per acquistare l’arredamento e attrezzature delle due stanze all’interno delle quali i ragazzi svolgeranno le attività educative e di doposcuola.

La campagna si concluderà il 7 ottobre, mancano ancora circa 600 euro per raggiungere l’obiettivo (8 mila euro).