Back to top

Confcooperative Modena

Cooperative di comunità: da Regione primo stanziamento di 200 mila euro

Uno sviluppo equo, inclusivo, rispettoso dell’ambiente e delle specificità territoriali, promosso dalle comunità locali. Grazie all’impegno di cittadini che diventano essi stessi promotori (e fruitori) di progetti in campo turistico, agricolo, culturale, sociale, energetico.

 

Entra nel vivo la legge regionale sulle cooperative di comunità. È infatti on line il primo bando che stanzia 200 mila euro a sostegno di società cooperative di comunità che operano in contesti territoriali fragili, a partire dalle aree appenniniche e interne.

 

Entro l’11 novembre sarà dunque possibile presentare domanda per ottenere un contributo fino a 10 mila euro.

 

«A meno di tre mesi dall’approvazione all’unanimità da parte dell’Assemblea legislativa della legge regionale sulle cooperative di comunità, arrivano già i primi fondi stanziati dalla Regione Emilia-Romagna per favorire lo sviluppo delle imprese comunitarie che contrastano lo spopolamento di aree appenniniche e interne.

Le nostre richieste a favore di una rapida attivazione dei bandi sono state ascoltate – dichiara l’Alleanza Cooperative Italiane dell’Emilia-Romagna, esprimendo il suo apprezzamento per l’intervento della Regione, arrivato in tempi celeri –

Le nostre centrali cooperative sono pronte ad assistere e supportare le imprese affinché possano presentare progetti capaci di rispondere alle esigenze delle comunità di riferimento».

 

Approvata lo scorso agosto dopo un lungo percorso partecipato e un ampio confronto in Assemblea legislativa, la legge sulle cooperative di comunità (la n. 12 del 2022) si rivolge a società cooperative, spesso avviate dai residenti di piccoli centri e di cui possono far parte anche gli enti locali e l’associazionismo, nelle quali è fondamentale la coesione, lo spirito di condivisione e la messa in comune di risorse della comunità stessa.

 

«La legge sulle cooperative di comunità era uno degli obiettivi che ci eravamo dati con il Patto per il Lavoro e per il Clima – dichiara l’assessore alla Montagna della Regione

Emilia-Romagna Barbara Lori – Il bando uscito ieri è un primo passo concreto per sostenere e promuovere questo modello imprenditoriale innovativo, nato nella nostra regione, che coniuga fare impresa, territorio e comunità.

 

Secondo gli ultimi dati disponibili, nel 2021 in Emilia-Romagna si contavano 33 cooperative di comunità, attive nella promozione turistica e culturale, agricoltura, sociale e altri settori.

 

Il contributo della Regione è indirizzato a sostenere spese per investimenti, tra cui il miglioramento della funzionalità di locali già in uso o nei quali il beneficiario si impegna a svolgere le attività, l’acquisto di attrezzature e arredi nuovi, il rinnovo e ampliamento di impianti, l’acquisto di autoveicoli utili per l’attività o, ancora, consulenze qualificate di sostegno all’innovazione, come ad esempio l’attivazione di comunità energetiche, o il consolidamento del progetto imprenditoriale di comunità.

 

Su tali spese, sostenute nel periodo 22 agosto 2022-30 novembre 2023, la Regione riconoscerà un contributo fino al 70% e per un importo massimo di 10 mila euro.