Back to top

Confcooperative Modena

Giovani e cooperazione: «una forma di impresa diversamente competitiva»

La cooperazione è una forma di impresa “diversamente competitiva”, chiamata a rispondere alle sfide dei mercati senza per questo venire meno ai propri valori di mutualità, solidarietà e democraticità.

È questa, in estrema sintesi, la risposta alla domanda “Competenze per cooperare o per competere?” che ha dato il titolo all’evento dei Giovani Imprenditori di Confcooperative Emilia-Romagna, tenutosi il 27 novembre alla T-Station Academy di Forlì.

«In occasione dell’Anno europeo delle competenze, ci siamo interrogati sulle grandi e attuali sfide del mondo del lavoro a partire dalla richiesta da parte delle aziende di profili professionali con nuove competenze sempre più specializzate soprattutto in ambito digitale, tecnologico e della green economy – ha esordito Mirca Renzetti, presidente dei Giovani Imprenditori di Confcooperative Emilia-Romagna –
All’interno di un mercato del lavoro altamente competitivo, con aziende disposte a mettere in campo proposte retributive molto elevate pur di attirare le competenze richieste, l’impresa cooperativa può riscoprire la sua specificità nel proporre un percorso professionale che consenta una partecipazione attiva alla gestione e proprietà dell’azienda, con l’obiettivo di perseguire interessi comuni, promuovere la solidarietà e democrazia economica. Siamo cooperatori non per caso, – ha concluso Renzetti – ma per una scelta valoriale ben definita, basata su motivazioni forti che ci spingono a impegnarci nell’impresa cooperativa».

«Non dobbiamo chiudere la cooperazione all’interno di un recinto, il nostro compito è tenere unite cooperazione e competizione all’interno di un modello di impresa sostenibile e intergenerazionale – ha aggiunto il presidente di Confcooperative Emilia-Romagna Francesco Milza – La dimensione dell’economia sociale sarà la nuova frontiera nella quale ci sarà sempre più bisogno di competenze per un’economia generativa capace di coinvolgere più soggetti anche diversi tra loro.
È la sfida a cui sono chiamate le nuove generazioni e che consegniamo ai giovani cooperatori».
Nel corso del dibattito, moderato dal vicepresidente regionale dei giovani di Confcooperative Eduardo Raia, il rapporto tra competenze e cooperazione è stato affrontato sotto diversi punti di vista.

A Maurizia Squarzi, presidente della cooperativa sociale forlivese CavaRei, il compito di raccontare la partnership con l’azienda di sicurezza informatica e servizi digitali Gencom, che ha portato anche alla nascita dell’impresa sociale T-Station e a una vera e propria contaminazione tra cooperazione e mondo profit.
«Per noi cooperare significa tessere relazioni superando gli schemi – ha detto Squarzi – proprio come abbiamo fatto con Gencom. Così abbiamo capito come per una cooperativa sociale come la nostra la competizione si giochi in gran parte sulla capacità di trasmettere il nostro valore che tiene insieme inclusione e solidarietà con professionalità e capacità di fornire risposte ai bisogni che intercettiamo».

Dal canto suo Davide Fiumi (ceo di Gencom) ha sottolineato come tra le ragioni alla base della partnership con CavaRei ci sia anche la necessità di trasmettere valore e senso sullo scopo del proprio lavoro alle persone che lavorano in azienda.
«A un imprenditore interessa innanzitutto il benessere della propria azienda, e questo dipende dal benessere delle persone che ci lavorano – ha spiegato Fiumi – Questo benessere non si crea solamente con il rapporto contrattuale, ma anche con la consapevolezza di appartenere a una realtà che investe nel territorio, sostiene e partecipa a opere sociali che contribuiscono a migliorare la vita della propria comunità.

Infine, a spiegare che occorre «uscire dalla dicotomia tra competere e cooperare» è stato il direttore di Aiccon Paolo Venturi, convinto che «oggi cooperare non significa farlo solo con quelli della propria specie e come ultimo vagone, ma aprire i propri orizzonti e porsi come motrice di sviluppo e innovazione anche nel rapporto con altri soggetti. La cooperazione – ha concluso Venturi – è un meccanismo moderno e diversamente competitivo, che consente di produrre beni ed erogare servizi in una maniera differente che mette davvero al centro la persona in tutti i suoi bisogni».