Back to top

Confcooperative Modena

Parmigiano Reggiano: positivi i dati di vendita nel primo trimestre 2022

Dopo aver chiuso un 2021 da record, con un giro d’affari al consumo di 2,7 miliardi di euro, nel primo trimestre 2022 il Consorzio del Parmigiano Reggiano ha registrato – rispetto al primo trimestre 2021 – un incremento delle vendite totali del 3,6% (33.341 tonnellate, contro 32.195 tonnellate), trascinato dai mercati internazionali che crescono del 6,9% (14.546 tonnellate vs 13.611).

Sono stabili le vendite nel mercato italiano (14.071 tonnellate vs 14.085), grazie alla crescita della ristorazione, che compensa il lieve calo dei consumi domestici.

Si vanno quindi consolidando le stime effettuate a fine 2021, con alcune incognite legate alla guerra russo-ucraina, l’inflazione e la conseguente riduzione del potere di acquisto delle famiglie in alcuni mercati.

Questo dato deve considerare la necessità di collocare nei mercati mondiali i volumi produttivi record registrati nel 2020 e 2021, prospettiva compatibile con la stabilizzazione della quotazione registratasi negli ultimi venti mesi.

Primo nello sviluppo è il mercato americano (+21,1%, con 3.469 tonnellate vs 2.865 tonnellate del primo trimestre 2021), che sarà strategico per il conseguimento degli obiettivi di crescita della domanda di Parmigiano Reggiano. Vanno bene anche Regno Unito (+7,3%, con 1.697 tonnellate vs 1.582) e Francia (+11,2%, con 2.850 tonnellate vs 2.563). È in sofferenza, invece, la Germania (-16,3%, con 2.230 tonnellate vs 2664), da sempre mercato più sensibile ai prezzi.

Quanto si sta verificando nel mercato mondiale del latte potrebbe portare ulteriori effetti nella componente di offerta del secondo semestre, compensando la debolezza della domanda prevista in alcuni mercati.

Questo è un anno straordinario per i differenti fattori di crisi che intervengono simultaneamente nei mercati mondiali e che devono trovare nella filiera del Parmigiano Reggiano la costante ricerca della stabilizzazione delle quotazioni, rendendo possibili corrette pianificazioni degli investimenti a tutti gli attori che in essa operano.

«La responsabilità che ci siamo assunti è coprire un ruolo di cabina di regia per l’intera filiera, valorizzando il nostro prodotto e rendendo a tutti gli operatori della filiera un servizio di supporto affinché ognuno possa contribuire alla corretta distribuzione del valore creato – afferma il presidente del Consorzio Parmigiano Reggiano Nicola Bertinelli – Il trasferimento dei costi effettivi di produzione potrà e dovrà essere effettuato con piena maturità e senza condizionamenti di natura speculativa che potrebbero compromettere quanto di buono si sta costruendo per il futuro della filiera».