Scelta cooperativa, scelta di valori
Back to top

Confcooperative Modena

Agricoltura: l’assessore regionale Mammi ha incontrato a Modena le associazioni agricole e cooperative

«Modena è, insieme a Parma, la provincia italiana e dell’Emilia-Romagna con il valore più alto dei prodotti di eccellenza Dop e Igp, pari a 680 milioni di euro secondo il rapporto Ismea-Qualivita 2019. Inoltre è stata di recente classificata da Viator (uno dei principali siti turistici collegato a TripAdvisor) come la terza città al mondo, dietro Parigi e Tokio, per la buona tavola. Modena, grazie a un sistema agroalimentare caratterizzato dalla diversificazione delle filiere, ha tutte le carte in regola per vincere la sfida della competitività sui mercati se saremo capaci di mettere a sistema e sviluppare le potenzialità dei suoi punti di forza, tra i quali figura certamente anche l’agricoltura». Lo ha sottolineato l’assessore regionale all’Agricoltura Alessio Mammi che ieri ha incontrato a Modena i rappresentanti del mondo agricolo e agroalimentare per un confronto a tutto campo sulle principali questioni aperte sul tappeto e definire le linee di azione dei prossimi mesi. È stata un’altra tappa del tour che Mammi sta compiendo nell’intero territorio regionale per raccogliere idee e proposte operative in vista della definizione delle strategie di intervento per accelerare la ripartenza del comparto agroalimentare dopo l’uscita dall’emergenza sanitaria. Al tavolo hanno partecipato gli esponenti di Coldiretti, Cia, Confagricoltura, Legacoop e Confcooperative (rappresentata da Alessandro Rossi (settore agricoltura, energia e ambiente). Si è parlato di aiuti ai giovani, più investimenti per la difesa delle produzioni agricole dagli sconvolgimenti climatici e il potenziamento delle risorse idriche, misure per incentivare lo sviluppo del biologico e la copertura dei cosiddetti “vasconi” per la riduzione dell’impatto ambientale dei liquami zootecnici e migliorare il livello di sostenibilità delle imprese agricole. «La nuova Politica agricola comune (Pac) in via di definizione sui tavoli europei – ha ribadito l’assessore – deve avere l’ambizione di tenere insieme produttività e sostenibilità. L’agricoltura deve essere sempre più sostenibile, però le imprese devono essere accompagnate in questo percorso virtuoso con aiuti mirati a sostegno della redditività». L’assessore ha poi sottolineato il grande potenziale che ha per il territorio emiliano-romagnolo il Piano nazionale di ripresa e resilienza, che dovrebbe mettere a disposizione del comparto agricolo circa 4 miliardi di euro. Una partita, questa, in cui l’Emilia-Romagna vuole giocare un ruolo da protagonista, a partire dal rafforzamento delle filiere agroalimentari. «Stiamo, inoltre, lavorando alla semplificazione della macchina burocratica, con l’obiettivo – ha concluso Mammi – di mettere a punto linee guida in grado di aiutare le imprese prima dell’uscita dei nuovi bandi, che devono essere chiari e il più possibile omogenei». Quanto ai danni causati dalle gelate al comparto dell’ortofrutta, la Regione ha chiesto al Governo anche per il 2021 la deroga al decreto legislativo 102, ed è in corso il confronto sulla proposta di riparto fatta dal Ministero delle Politiche agricole per rendere subito disponibili alle imprese agricole i 20 milioni di euro ottenuti nel corso del 2020 sempre sul decreto 102 (sostegni alle imprese nelle emergenze e nei rischi), tenendo conto di chi ha subìto effettivamente i danni, con la stessa procedura applicata per i danni da cimice asiatica. È stata, inoltre, chiesta al Governo la disponibilità dei 70 milioni di euro che erano stati stanziati per calamità grazie alla legge di stabilità 2020. Dal canto suo verso la fine dell’anno la Regione Emilia-Romagna promuoverà un nuovo bando per finanziare l’installazione di sistemi anti brina. Ammontano complessivamente a circa 115 milioni di euro, invece, i finanziamenti erogati alle imprese agroalimentari della provincia di Modena attraverso il Programma regionale di sviluppo rurale 2014-2020. La quota più significativa di risorse – 56,7 milioni di euro – è andata a sostegno dello sviluppo della competitività, per un volume di investimenti di circa 132 milioni di euro. In questo ambito le risorse regionali hanno consentito, in particolare, l’insediamento di 129 giovani agricoltori. Ulteriori 52,4 milioni di euro sono stati impiegati per promuovere la sostenibilità e la tutela dell’ambiente. I restanti 15,9 milioni di euro sono serviti per lo sviluppo del territorio (diffusione banda larga, servizi alla popolazione ecc.).