Back to top

Confcooperative Modena

Gattile intercomunale Modena: nuova convenzione con Caleidos per la gestione

È stata rinnovata la convenzione per la gestione del gattile intercomunale sottoscritta dal Comune di Modena e dai Comuni di Bastiglia, Castelfranco, Castelnuovo Rangone e Nonantola.

Lo ha deciso il consiglio comunale di Modena, approvando all’unanimità la delibera presentata dall’assessora all’Ambiente Alessandra Filippi.

Operativa dall’inizio del 2022, la nuova struttura si trova in strada Pomposiana 292/a a Modena ed è gestito dalla cooperativa sociale Caleidos in collaborazione con i volontari dell’associazione animalista Oipa.

In forza della convenzione, che ha validità triennale e sarà in vigore fino al 31 dicembre 2024, i Comuni aderenti usufruiscono dei servizi di recupero, custodia, cura e sostentamento dei gatti con abitudini domestiche randagi o rinunciati forniti dal gattile intercomunale versando un contributo economico per la sua gestione.

La quota di partecipazione a carico di ciascun Comune è definita tenendo conto della popolazione, della superficie territoriale e del dato storico degli ingressi da ogni Comune: per ognuno dei tre anni il Comune di Castelfranco verserà 15.362 euro, Nonantola 7.956 euro, Castelnuovo Rangone 4.275 euro e Bastiglia 1.830 euro.

In coerenza con il progetto di gestione redatto dall’Ufficio diritti animali del Comune di Modena, Caleidos si occupa della gestione ordinaria della struttura garantendo la salute e il benessere degli animali ospiti, gli interventi sanitari per i gatti residenti e quelli recuperati sul territorio attraverso il servizio di vigilanza veterinaria integrato con quello di competenza dell’Ausl di Modena.

L’associazione Oipa si occupa invece della promozione delle adozioni e delle colonie feline di Modena.

Caleidos e Oipa svolgono, inoltre, azioni per favorire la restituzione ai padroni dei gatti ritrovati (per i gatti non è semplice perché non c’è obbligo di microchip) e per promuovere la corretta convivenza tra persone e animali.

Tra gennaio e agosto di quest’anno sono stati 335 i gatti provenienti dai territori dei cinque Comuni convenzionati entrati nella struttura (174 sono animali sotto i sei mesi di vita). Nello stesso periodo le adozioni sono state 74 e 89 gli affidi dei cuccioli alle balie feline per lo svezzamento, mentre sono stati 13 i gatti ritrovati resi al proprietario.

Intervenendo prima del voto, la consigliera comunale Paola Aime (Europa verde-Verdi) ha apprezzato la qualità del nuovo gattile e l’attenzione data alla cura degli animali.